BookCrossing nelle strutture per anziani di Società Dolce

“Libro Vagabondo”, l’iniziativa di BookCrossing del Centro Giusti di Pianoro
Postazione BookCrossing all’esterno del Centro socio-ricreativo “Enrico Giusti” di Pianoro

“Chi non legge – sosteneva Umberto Eco – a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è un’immortalità all’indietro.”

Dai centri diurni di Parma e Bologna alle strutture residenziali, molti servizi per anziani di Società Dolce hanno sposato questo pensiero già da alcuni anni,  organizzando postazioni dedicate al BookCrossing, letteralmente “passaggio di libri”. Grazie a queste “librerie all’aperto”, grandi e piccini possono lasciare un libro o riceverne uno, creando così uno scambio continuo di risorse e saperi.
Il BookCrossing consiste infatti in una serie di iniziative volontarie e completamente gratuite, la cui idea di base è quella di lasciare libri dovunque si preferisca, affinché possano essere ritrovati e quindi letti da altri. Un fenomeno mondiale con un bellissimo principio di fondo: rendere il mondo una biblioteca.

Per gli anziani, ospiti delle strutture residenziali e semi-residenziali di Società Dolce, il BookCrossing è diventato un’occasione non solo per mantenere la mente allenata attraverso la lettura e la costruzione “fai-da-te” delle postazioni ma, soprattutto, si è trasformato in un prezioso momento di relazione e condivisione tra loro e con il territorio: il BookCrossing infatti coinvolge spesso anche altre realtà territoriali, come ad esempio le scuole.

Leggi anche “BookCrossing al Centro Diurno Cittadella di Parma”

Postazione BookCrossing al centro diurno “Cittadella” di Parma